LaMotoClassic.com

Classic Queen’s Cavalcade : L’éclate sur 800 km et 2000 ans d’histoire et de civilisation

Actualité par Jean Louis BERNARDELLI

Ce rallye Queen’s Cavalcade qui se déroule dans les plus belles régions de l’Italie, du 19 au 23 septembre cette année, est réservé, selon le joli mot de son organisateur, aux motos qui ont fait l’histoire de la moto et aux motos qui font toujours l’histoire de la moto. Précisément, les motos construites avant 1987 (Groupe A) et les mono et bicylindres construits depuis 1988 (Groupe B). On peut d’ailleurs s’inscrire en catégorie rallye ou tourisme si on veut juste voyager sans s’intéresser au chrono.

Un rallye unique au monde…

read more…

Motoservices.com – Par Jean Louis BERNARDELLI 10 mars 2017

Rallye de régularité moto classic Queen’s Cavalcade, Italie, septembre 2017 : Sublime et inratable !

L’éclate sur 800 km et 2000 ans d’histoire et de civilisation

Ce rallye Queen’s Cavalcade qui se déroule dans les plus belles régions de l’Italie, du 19 au 23 septembre cette année, est réservé, selon le joli mot de son organisateur, aux motos qui ont fait l’histoire de la moto et aux motos qui font toujours l’histoire de la moto.

Précisément, les motos construites avant 1987 (Groupe A) et les mono et bicylindres construits depuis 1988 (Groupe B). On peut d’ailleurs s’inscrire en catégorie rallye ou tourisme si on veut juste voyager sans s’intéresser au chrono.

Un rallye unique au monde…

Déjà, des rallyes de régularité moto classic il n’y en a pas des tonnes, contrairement à l’automobile.

Alors quand le Queen’s Cavalcade, qui s’est somptueusement déroulé aux Canaries en 2016, prend les routes et les cols les plus mythiques des motards italiens, passe par les plus belles cités du centre de la Botte, de Pise à Rome, en démarrant des plages de Viareggio, et poursuit par Florence, Sienne, Pérouse, San Gimignano, on est déjà dans le fantasme.

Quand en plus on va rouler au Mugello et à Vallelunga, temples de la vitesse italienne, et que l’on voyage à travers 2000 ans d’histoire et de civilisation, le rêve devient réalité…

Quand on roule dans les montagnes de l’Apennin, on est en plein là où est né un certain Valentino Rossi, qui a fait des courses de mob sur les petites routes avec ses potes… puis qui a aussi gagné plus tard au Mugello…

Quand on traverse par monts et par vaux, les trois plus belles provinces d’Italie, dont la lumière a été magnifiée de Dante aux romantiques français et allemands, what else ?

Itinéraire somptueux

Un peu plus de 800 km en quatre jours, mais vu les routes qu’affectionnent les traceurs, ce seront des km inoubliables, pas de ceux qui défilent sur l’autoroute… Il n’y aura pas plus de cent participants, Daniele Papi, l’organisateur, ancien « pape » de l’enduro italien à la grande époque, veut garder l’esprit « amici », la convivialité de ce rallye, on est au cœur d’un pays magique de la moto…

La formule du rallye est celle de la régularité sur routes ouvertes, mais il ya un ouvreur, un marshall, une assistance mécanique et un camion balai, avec des moyennes à tenir qui ne sont jamais supérieures à 50km/h, on peut rouler en couple, beaucoup d’équipages l’ont fait en 2016, avantage, le passager peut lire le road book…

Les motos d’époque et les modernes doivent être conformes au code de la route et doivent être immatriculées et assurées.

L’utilisation d’un tripmaster est libre, ainsi que tous autres instruments de navigation, y compris le smartphone qui avec une montre donne la possibilité de rouler à la moyenne fixée.

tappa_1

« Il mare » la mer… Et la tour penchée la plus célèbre au monde…

On part donc des plages de la Versilia, les plus chics d’Italie, Viareggio, Forte dei Marmi (un fort défendait le port où était embarqué le marbre de Carrare),  on est en Toscane sur la mer tyrrhénienne, cette « strada », cette route est un rêve dès le début.

On descend vers Pise, photo devant le célèbre campanile, qui penche depuis sa construction en 1173, on est sur la bien nommée « Piazza dei miracoli… »

On passera à Lucca, ville mystérieuse en diable et construite en ovale, on monte ensuite évidemment aux carrières de marbre de Carrare, réputé dans le monde entier et ce depuis l’âge de bronze, le côté chic étant à la mode depuis Jules César.

Tout ça par de petites routes magiques sans touristes, en septembre, c’est le grand pied…

tappa_2

Montagne de rêve et circuit de légende

Le deuxième jour est plus routier que Renaissance, on  passe la journée sur les axes mythiques des motards italiens, dans les Apennins, les cols très célèbres (Passo delle radici, passo del Raticosa) sont avalés avec un plaisir de conduite total avant de redescendre sur le circuit du Mugello où le rallye est autorisé à tourner…

Florence, Sienne, Pérouse…

Les cités de la Renaissance italienne sont souvent nichées entre les montagnes et ont peut donc les découvrir de haut.

C’est le cas de Florence, que l’on embrasse d’un seul coup d’œil depuis Fiesole, et de l’autre côté de l’Arno, depuis le Piazzale Michelangelo. On traverse 2000 ans d’histoire et de civilisation, par des routes lumineuses comme des poèmes de Boccace, auteur toscan.

Puis les tours de San Gimignano, Sienne, Montepulciano, Pérouse, itinéraire totalement « rinascimento », la route sublime par excellence.

Mais c’est évidemment beaucoup de pilotage, on est en rallye !
Avec des mecs qui ont beaucoup d’années de pilotage au compteur, qui ont des motos qu’ils ne veulent pas casser, la moto au sens absolu du terme.

tappa_3

Orvieto, Vallelunga, Rome… Ville éternelle…

Quatrième et dernier jour, on passe au circuit historique de  Vallelunga, où a été disputé le GP de Rome de Formule 1, entièrement refait par l’Automobile Club Italien, le Superbike a roulé ici. Le Queen’s Cavalcade s’offre un autre grand frisson, on roule,  bien sûr, sur ce tracé.

On suit la voie romaine Via Cassia, qui reliait Rome à Florence.

Rome la ville éternelle, l’organisation propose un jour de rab’ pour visiter en groupe ce que la ville propose et qui est mondialement connu, le forum, le Colisée, les termes de Caracalla, le Vatican et la Sixtine, bref l’éclate totale.

Précision, ce rallye est international, si vous parlez deux mots de rital ça aide mais ce n’est absolument pas essentiel, quand on fait un tour du monde on n’apprend pas 300 langues…

Ici on fait le tour d’un monde, celui de la Renaissance et le monde entier est le bienvenu.

La fiche d’inscription est en Espagnol, en Anglais, en Italien et en Français.

Pour y aller cliquez sur « iscrizioni »…

Vous pouvez écrire en Français ici.

Vous pouvez aussi appeler Daniele Papi, il parle français, sur son numéro personnel : 00 34 600 257 060

Et surtout, vous pouvez commencer à rêver,  c’est irréel mais bien réel.

tappa_4

Leggi l’articolo originale

 

Moto.it – Queens’ Cavalcade, la magia dei 40 km/h tra Toscana, Umbria e Lazio

Dopo Canarias 2016, è Queens’ Cavalcade Italia, 19-24 settembre. “QC” è il tappeto volante motociclistico moderatamente agonistico, per sorvolare senza far rumore stratificazioni di storia, cultura e tradizione. La minaccia Sala
di Piero Batini

Gran Ducato di Toscana. Il grosso, monumentale, storico anfitrione ha tolto i veli che ancora confondevano la diffusa certezza di quello che sarebbe stato Queens’ Cavalcade 2017. Dopo le Isole Canarie, dunque, è stata mantenuta la promessa del Centro Italia eletto a teatro della sontuosa competizione internazionale di regolarità motociclistica, quest’anno unica in tutti i sensi. Daniele Papi, granduca e ambasciatore di Cromatica y Duck Motorsport, il “ponte” viareggino-hispano-canario su cui poggia il motore organizzativo di Queens’ Cavalcade, ha immaginato l’edizione 2017 come un evento-cofanetto che affonda le sue le radici nel contesto storico, culturale e paesaggistico della culla d’Italia, sul quale a sua volta i partecipanti potranno lasciare il segno dell’ultima stratificazione di un programma motociclistico capolavoro.

Toscana, Umbria e Lazio. Non tutto, sarebbe del resto impossibile, ma il distillato, a tratti evidente e saporito, a tratti nascosto e profumato, di millenni di storia irripetibile e invidiata, di paesaggi, regioni e città che sono diventati icone geografiche, simboli culturali, pietre miliari sul percorso della storia.

Cinque giorni, quattro tappe, tre regioni. La Regolarità motociclistica come pretesto e espediente tecnico per trasformare i 40, 50 all’ora del limite medio da centrare come un bersaglio, esattamente come solo i migliori e più equilibrati possono fare, mi verrebbe una citazione ma ve la risparmio. Il tour dei Marmi, Versilia purosangue e puromare, un anello iniziale e inaugurale che pochi conoscono, se non a tratti, di fretta.
È normale, per ammirare le perle del tirreno, altra citazione di cui molti degli eroi di Queens Cavalcade sentono il movente di appartenenza, ci vogliono tempo e pazienza, e un profondo respiro. Oppure la trasformazione in obiettivo, un intero giorno per l’anello dei giganti del marmo con la potenza della sua pietra e i colpi d’occhio sul flash del tramonto tirrenico, tra i più affascinanti, ipnotici. Versilia, Pisa, Lucca, le Apuane, la discesa di nuovo verso Forte dei Marmi, Viareggio.

Il Mugello, oltre l’Appennino su vie che sono state di sassi fino all’altro ieri, tra borghi e curve prima di “scollinare” e di immergersi lentamente nelle valli d’oltre, o di mezzo, tra Toscana e Emilia, retaggio della rotabile Emilia e oltre. Castelnuovo Garfagnana, Passo delle Radici, Abetone, Bocche di Rio e il Mugello, il tempo della velocità e dintorni.

Via, si parte per la terza tappa, atterrando dolcemente su Firenze, Fiesole e Piazzale Michelangelo, il lungo serpente sulla Senese e verso la Cassia e un’altra storia di strada e di porfido, e i suoi corti rami alle roccaforti delle famiglie della turbolenta Storia toscana, Monteriggioni, San Gimignano, Siena, Montepulciano e, oltre Toscana dentro l’Umbria, a lato del Lago Trasimeno e fino alla meta, Perugia

.

Dentro la quarta. Orvieto, la Cassia Antica, dopo le vie del vino e dell’olio, quella della nuova velocità di Vallelunga, stop pit-stop… Roma, eterna città che neanche dentro Roma e ad essere romani si può eludere emotivamente. Il giro della città, la visita guidata, la notte romana e il tour delle sue vie, il privilegio di viverla in un altro modo, piano.
Ottocento chilometri, tutti da centellinare, da lasciare evaporare ed assorbire nel palato, senso primordiale del buono prima ancora che del bene, del gusto prima della bontà. Prove speciali, di media, attenti a quelle, e attenti a Stefano Sala che, imparando per primo, o scoprendo anche questo suo talento prima degli altri, ha vinto e si è aggiudicato il primo giro del Trofeo di Queens Cavalcade, alle Canarie. Lo rimette in palio, da gran signore o forse, fiducioso di confermarsi primatista tattico, sicuro di rivincere.

La formula è semplice. Chilometri e chilometri per il palato, waypoint da capogiro, pit-stop da trattenere il respiro, controlli orari e di passaggio da bocca aperta, e… la gara di regolarità. Ogni giorno uno o più tratti nei quali rispettare, metro dopo metro, la media imposta. Di solito attorno ai 40-50 chilometri all’ora. Nessuno ha il fegato, oggi, di andare a 40 chilometri all’ora. Si è disposti a vergognarsene o a temere come un’onta fari e clacson alle nostre spalle. Ma se per qualche incantesimo doveste trovarvi nelle condizioni di farlo, e di spogliarvi quindi dei retaggi della fretta e della velocità, allora la formula diventa magica, e scoprireste che lo scenario cambia radicalmente.

A “velocità” di passeggiata si scoprono altri livelli delle cose davanti o di lato, si apprezzano i dettagli e i colori, la profondità degli scenari. È come andare al cinema o a teatro invece che incrociarsi gli occhi su youtube. E questa è la formula magica di Queens’ Cavalcade, la poltrona in prima fila allo spettacolo del paesaggio.

C’è un’altra condizione, che c’era già quando è nato il “Gruppo” delle Canarie. La moto. La “Classica”, vintage, è la regina, la privilegiata. Fino al 1987 è considerata tale, la regina di QC Canarias, infatti, è la BMW R100 di Stefano Sala, ma le “moderne” dopo tale anno di fabbricazione sono benvenute ugualmente. Siccome il “Gruppo” è amicizia, ed è diventato una unità indissolubile dopo le Canarie, quest’anno si fa un passo avanti, e oltre alle monocilindriche si “correrà” anche a squadre, due persone o equipaggi. Il resto è nelle “norme” del turismo di gran classe. Ve lo potete immaginare o andare a leggere sul sito, o chiamando direttamente il Guru.

Noi andremo. Abbiamo un primato da difendere che, ricorderete, possiamo considerare emblematico, definitivo, dalla caratura ovviamente molto più importante della semplice vittoria ottenuta da Sala. Per questo abbiamo un mente di scendere in forze. Attenti a quei due!

Leggi l’articolo originale

RALLYE DE RÉGULARITÉ MOTO CLASSIC ‘QUEEN’S CAVALCADE’ 2017, L’IMMENSE… «STRADA» DU 19 AU 23 SEPTEMBRE VERS LA «DOLCE VITA»…

E’ di ieri la pubblicazione su AutoMoto NewsInfo, portale francese di motorismo, di un articolo a firma del grande giornalista Jean Louis Bernardelli che presenta la nostra manifestazione al pubblico d’oltralpe, definendola “le plus beau rallye Classic de Régularité”, il più bel Rally di Regolarità Classica.

Non perdetevelo!

Si riparte! La nuova avventura della Queens Cavalcade 2017 è diventata quanto più reale e concreta dopo l’apertura ufficiale delle iscrizioni, mercoledì 15 febbraio!

CARTOLINE dalla Queens Cavalcade 2017

CARTOLINE dalla Queens Cavalcade 2017

Dopo il successo e le emozioni della scorsa edizione, che ci ha portato ‘a spasso ‘ per gli incantevoli panorami delle Canarie, per questa stagione, come già preannunciato durante la cena di chiusura dell’ottobre scorso, le nostre Queens arriveranno in Italia per un percorso all’insegna della bellezza, della storia, della buona cucina e dell’ottima compagnia.

Innanzitutto si riconferma anche quest’anno, con grande orgoglio e onore per la nostra organizzazione, il rapporto di partnership con Acerbis, uno dei più noti ed importanti marchi del panorama mondiale per quanto riguarda sia l’abbigliamento legato al mondo delle due ruote, sia per il settore dell’after-market.

Una presenza davvero importante per il prestigio dell’evento, ed una conferma che il buon lavoro e la passione viene sempre ripagata!

Se la curiosità per il percorso di questa edizione della Queens Cavalcade incalza, noi ci siamo divertiti in queste settimane svelando già sulla nostra pagina social qualche ‘cartolina’ dei luoghi che verranno toccati dalla nostra impresa.

Inutile dire che non è stato facile mettere a punto il percorso! Troppe cose da vedere! Una scelta davvero ampia che ci ha reso difficile la scelta! Ma se pur consci di dover fare qualche rinuncia abbiamo cercato di disegnare il percorso migliore in modo da valorizzare le Queens senza togliere il divertimento ai loro Riders.

CARTOLINE dalla Queens Cavalcade 2017

CARTOLINE dalla Queens Cavalcade 2017

 

Spazio dunque a paesaggi mozzafiato, percorsi storici in città che sembrano aver fermato il tempo, soste all’insegna del gusto e dei piaceri conviviali dello stare insieme!

 

Si parte dunque dalla magica Versilia, e con la salsedine sulla pelle ci si dirige verso la tappa obbligata di Pisa con la sua Piazza dei Miracoli, e da sotto la Torre più pendente al mondo ci si dirige verso Lucca e attraversando le mura che recingono la città si sale verso le Cave di Marmo delle Apuane!

 

 

La seconda tappa ci porta verso le montagne, dalla Versilia attraverso Castelnuovo Garfagnana, fino al Passo delle Radici, per poi attraversare Fiumalbo, Pieve Pelago e Abetone. Sempre seguendo l’Appenino Tosco-Emiliano dopo una breve sosta al Santuario delle Bocche di Rio, si scende verso la Vallata del Mugello attraverso il Passo della Raticosa, percorsi conosciuti e amati dai motociclisti fino ad arrivare al tempio della velocità: l’Autodromo Internazionale del Mugello.

 

Con l’adrenalina che il circuito toscano ci ha regalato, siamo pronti per una terza tappa attraverso il cuore della Toscana. Si guarderà Firenze dall’alto, Fiesole prima e il Piazzale Michelangelo dopo, e con l’immagine della Cupola del Brunelleschi ancora impressa sulla visiera ci si dirige verso sud, Monteriggioni, San Gimignano ed infine Siena! Dopo un occhio ai cronometri tutti in sella verso Montepulciano! A pancia piena lasceremo la Toscana e costeggeremo il Lago Trasimeno per arrivare al tramonto a Perugia.

 

L’ultima tappa ci vedrà partire dalla bellissima città Umbra e dopo una sosta per il pranzo ad Orvieto, proseguiremo attraverso l’antico tracciato della Cassia fino nel Lazio, per raggiungere la città eterna Roma!

Sarà la serata conclusiva di questa nostra avventura che incoronerà il nuovo King per il 2017.

Gli ospiti avranno l’opportunità di trattenersi domenica 24 settembre per visitare Roma insieme al gruppo!

 

Il programma è davvero invitante sia per i riders italiani che ovviamente per i tanti stranieri che avranno l’opportunità di vivere il sogno italiano in sella alla loro moto da sogno!

 

Canarias en moto – 17 de febrero 2017 – La Queens Cavalcade se pone de nuevo en marcha, esta vez en Italia

Queens Cavalcade 2017. Italia, del 19 al 24 de septiembre.

Tú y tu reina a través de 2.000 años de historia y civilización

La Queens Cavalcade se pone de nuevo en marcha, esta vez en Italia

La Queens Cavalcade se pone de nuevo en marcha, esta vez en Italia

¡Volvemos a empezar! La nueva aventura de la Queens Cavalcade 2017 se ha convertido en algo real y concreto tras la apertura oficial de las inscripciones el pasado miércoles 15 de febrero.

Después del éxito y las emociones de la pasada edición, que nos llevó ‘de paseo’ por los bellos paisajes de las Islas Canarias, en la presente temporada, como ya se anunció durante la cena de despedida en el octubre pasado, nuestras reinas llegarán a Italia para descubrir una ruta basada en la belleza, la historia, la buena comida y la excelente compañía.

En primer lugar, se ha confirmado, con gran orgullo y honor para la organización, la colaboración con Acerbis, una de las más famosas e importantes marcas en la escena mundial con respecto tanto a la ropa relacionada con las “dos ruedas”, como para el mercado de accesorios  y postventa, que estará presente en esta segunda edición prestigiando el evento y recompensando con su presencia el trabajo y la pasión del equipo de la Queens Cavalcade.

Dando pistas del recorrido de la edición 2017 de la Queens Cavalcade, en estas últimas semanas ‘postales’ de los lugares más emblemáticos de paso de los participantes están siendo revelados en las distintas redes sociales.

Elegir los puntos de paso del recorrido no ha sido una tarea fácil, ante la ingente variedad y calidad de los escenarios de paso de la ruta. Y si bien es cierto que ha habido que sacrificar algún lugar concreto, se ha diseñado la mejor ruta posible sin restar ni un ápice de diversión a los riders.

Paisajes irrepetibles, caminos históricos y ciudades en las que parece que el tiempo se ha detenido, serán las paradas de una ruta que mezcla el sabor y los placeres de la compañía.

La mágica Versilia, en la costa occidental de la península itálica, marcará el inicio de la ruta y, con la sal aún en la piel la carretera nos llevará a Pisa, parada obligatoria en su Piazza del Miracoli, cuya torre inclinada nos despedirá rumbo a Lucca. Tras atravesar las murallas de esta majestuosa ciudad ascenderemos por las canteras de mármol de Alpes Apuane.

La segunda etapa recorrerá las montañas, desde Versilla, a través de Castelnuovo Garfagnana, hasta el Passo delle Radici, para cruzar a continuación, Fiumalbo, Pievepelago y Abetone, siempre siguiendo el Appenino Tosco-Emiliano. Después de una breve parada en el Santuario delle Bocche di Rio, tocará  bajar hasta el valle de Mugello, a través del Passo della Raticosa. Carreteras conocidas y amadas por los motociclistas, hasta el templo de la velocidad: el Autodromo Internazionale del Mugello.

Con la adrenalina que el circuito toscano nos habrá dado, estaremos listos para una tercera etapa a través del corazón de Toscana. Podremos ver Florencia desde las alturas, Fiesole antes y el Piazzale Michelangelo después, y con la imagen de la cúpula de Brunelleschi todavía impresa en el retrovisor nos dirigiremos hacia el sur, Monteriggioni, San Gimignano y Siena, por fin. Después de echar un vistazo en los cronometros, rumbo hacia Montepulciano. Con el estómago lleno dejaremos la Toscana y bordearemos el Lago Trasimeno para llegar al atardecer en Perugia.

La última etapa verá salir a la caravana de reinas desde la hermosa ciudad de Umbría y, tras almorzar en Orvieto, continuaremos a través de la antigua carretera Cassia hacia el Lazio, para llegar a la ciudad eterna de Roma. Será la noche final de nuestra aventura que coronará el nuevo Rey de 2017.

Los participantes tendrán la oportunidad de quedarse el domingo 24 de septiembre para visitar Roma con el grupo.

El programa es muy atractivo  tanto para los pilotos italianos como, obviamente, para los muchos extranjeros que tendrán la oportunidad de descubrir y vivir la magia de Italia montando su moto. Un sueño sobre dos ruedas. Cinco días para disfrutar fuera del tiempo.

Visualizza l’articolo originale

Presentazione della QC17 a MBE

Claudia Baggiani, ha fatto il suo esordio come responsabile della Comunicazione di Cromatica,  in occasione del Motor Bike Expo di Verona,  dove, nel corso di una conferenza stampa, ha  presentato l’edizione 2017 di Queens’ Cavalcade.

L’evento, prenderà il via il 19 settembre, dalla costa della Versilia, per concludersi il 24 a Roma.

C’è molta attesa per questa seconda Queens’ Cavalcade, che l’ambiente ha ribattezzato QC17, tanto che, nonostante sia stata annunciata l’apertura delle iscrizioni al 15 febbraio,  la segreteria ha già ricevuto alcune richieste da parte di persone che non vogliono perdere l’occasione di prendere parte a questo evento, autentico instant classic del motociclismo moderno.

 

Nasce il Queens’ Cavalcade Club

In questi giorni i partecipanti alla prima edizione della Queens’ Cavalcade che si è svolta lo scorso ottobre alle Canarie, stanno ricevendo la loro Queens’ Card.

L’organizzazione ha deciso infatti, di costituire un club al quale saranno ammessi tutti i partecianti a partirte dalla prima edizione.

Ai soci verranno riservate molte attenzioni, oltre alla certezza di assicurarsi il diritto di partecipare alla edizione successiva.

 

 

Ogni Queen ha il suo King – intervista a Stefano Sala

 

sala

 

Stefano Sala, italiano, sessantenne commercialista di Pistoia, è il primo ad iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro della Queens’ Cavalcade. Dopo 818 chilometri, 21 controlli orari e sette prove speciali, ha portato la sua BMW R100 del 1984 sul gradino più alto del podio.

Te l’aspettavi?

“ non ero venuto per gareggiare, ma per vivere questa nuova avventura organizzata da Daniele Papi, che grazie al suo passato, ci dava ampie garanzie di qualità; poi volevo cogliere l’occasione di visitare luoghi che sapevo essere fantastici ma che non ero mai riuscito a visitare. Mi aspettavo esattamente quello che ho trovato: una organizzazione perfetta, una accoglienza squisita, luoghi bellissimi. Forse la sorpresa è venuta dagli amici spagnoli, che hanno dimostrato ancor più passione e competenza di quanto pensassi. Con loro si è creato un feeling eccezionale. Hanno contribuito a far essere ancora migliore una esperienza bellissima”

img_6701

 

E la gara?

“La gara, mi pare non ci abbia impegnati più del dovuto. Così come volevano gli organizzatori, si è trattato di un qualcosa di non determinante che è servito a movimentare la compagnia. Naturalmente mi ha fatto piacere il risultato, ma è stato davvero solo la ciliegina sulla torta”

 

img_7659

 

Il prossimo anno dovrai mettere in palio il Queen Trophy

“Tutti noi speravamo che ci fosse un seguito e finalmente sappiamo che nel 2017 ci sarà la seconda edizione della manifestazione. Io ci sarei tornato in ogni caso, ma adesso che mi si impone l’obbligo morale, non potrò avere scuse. Ci sarò, e come vuole il regolamento dovrò mettere di nuovo in palio il trofeo, ma, visto che mi ci sono già affezionato e considerando che sta davvero bene nel mi studio…a costo di contraddirmi devo dichiarare che darò battaglia. Non pensate che non voglia riportarmela a casa! Sto già restaurando una BSA…”

 

img_7092

Il successo sta nello spirito

img_4253

Gli organizzatori, hanno scacciato d’un tratto, tutta la fatica accumulata durante le ultime settimane e lo stress dei giorni della Queens’ Cavalcade. E’ bastato ascoltare le parole entusuastiche dei partecipanti ed i giudizi lusinghieri della stampa. Sorrisi, abbracci e promesse hanno riempito il salone della cerimonia di chiusura di questa prima edizione. La prima, appunto, dal momento che proprio in quella bella serata, gli organizzatori hanno annunciato che nel mese di settembre del prossimo anno, la Queens’ Cavalcade celebrerà la sua seconda edizione in Italia. Niente di ufficiale, ancora, ma sembra che l’intenzione sia quella di fare attraversare dai partecipanti, le piazze più famose, attraverso strade leggendarie. Ma un’altra promessa è stata fatta: nel 2018 la Cavalcade tornerà alle Canarie, per scoprire attraverso un percorso tutto nuovo, altre meraviglie di questo stupendo arcipelago.

 

qc2016-99

Ma intanto vale la pena di rivivere Queens’ Cavalcade Canarias 2016.

Alla fine sono 73 le moto iscritte. 36 nella sezione Regolarità, 37 in quella Turismo. Quindici moto si presentano al via con conduttore e passeggero, per un totale di 88 partecipanti. Ad essi si aggiungono 6 accompagnatori e 26 persone dell’organizzazione. In totale la carovana coinvolgeva 120 persone provenienti da 8 paesi europei oltre a Stati Uniti d’America e Marocco.

 

Al mattino del 14 ottobre, parte la prima tappa che da Santa Cruz de Tenerife conduce a Santiago del Teide per poi rientrare a Santa Cruz. Sulle splendide ma impegnative strade del Teide e di Masca, è, a sorpresa, una signora ad imporsi su tutti i baldanzosi piloti maschi. Gloria Escobar Perez, in sella alla sua splendida Honda 175 del 1974 regola la concorrenza. Nel gruppo B riservato a moto attuali, la spunta Borja Naranjo Guerra alla guida di una Royal Enfield Classic, a dimostrazione che la maneggevolezza ha avuto ragione sulla potenza.

2r5a6390

Il giorno seguente, di buon ora si traghetta da Tenerife a Gran Canaria. Il panorama cambia, ma le strade continuano ad impegnare nella guida. Da Agaete si raggiunge la Cruz de Tejeda per poi scendere a Las Palmas, dove a tagliare per primi il traguardo, sono tra le classiche, Paolo Guercini con la sua BMW R90S del 1977, mentre Piero Batini con la sua Harley-Davidson, regola il gruppo delle moderne.

qc2016-37

Terza tappa, ancora sulle strade di Gran Canaria, ma stavolta il tracciato è meno tormentato, più scorrevole. Ne approfitta Ronni Giarelli, che regala alla Royal Enfield la seconda vittoria di giornata. Tra le classiche, ancora una BMW, la R100 dell’84 di Stefano Sala, precede Fernando Jimenez.

 

L’ultima tappa, accoglie i partecipanti sulle strade di Fuerteventura. Ancora una volta il paesaggio cambia, e tra l’attraversamento di dune di sabbia bianca e le panoramiche quanto veloci strade dell’entroterra, la compagnia festeggia l’ultimo traguardo, tra coppe di champagne e improvvisati balli multietnici.

qc2016-134

Stefano Sala e Ronni Giarelli bissano la vittoria del giorno precedente. C’è in ballo l’assegnazione del Queens Trophy e i due se lo contendono cavallerescamente fino all’ultimo controllo orario.

 

Sarà Stefano Sala, con un brillante passato da endurista, ad aggiudicarsi la ambitissima statuetta di bronzo, grazie anche al coefficiente applicato alle prestazioni, che avvantaggia le moto più anziane.

 

img_8625bis

Stefano Sala vincitore della Queens’ Cavalcade 2016 Isole Canarie

 

Secondo Assoluto Rooni Giarelli autentico outsider della gara con la sua Royal Enfield 500, terzo Alvaro Trujillo che ha portato sul podio la sua splendida BMW R60/2 del 1966, seguito da Paolo Guercini e dall’ammirevole Manuel Sosa Hernandez che ha saputo dominare una mastodontica Indian Chief Vintage.

Seguitissimo Gaio Giannelli, affermato chef italiano, che si è presentato al via in sella ad una fantastica Ducati del 1983, ampiamente rivisitata, ma assai scomoda e soprattutto priva di rodaggio e messa a punto. Tra molte peripezie è riuscito a concludere con un onorevolissimo ottavo posto assoluto, quinto tra le vintage.

 

La coppia italo-spagnola formata da Cristobal Ramirez e Paolo Guercini si è aggiudicata la vittoria tra le squadre.

 

Ma su tutto e tutti, la vittoria vera è andata allo spirito cameratesco che si è respirato lungo tutta la durata dell’evento. “La cosa che più di tutto ha premiato il nostro impegno, ha detto Daniele Papi commentando la serata conclusiva, è stato questo bellissimo spirito di complicità che ha coinvolto tutti; cinque giorni fa, si sono riunite decine di sconosciuti, stasera ritrovo, alla fine, un gruppo di amici”.

 

Arrivederci alla prossima edizione, quando Stefano Sala rimetterà in palio il trofeo conquistato in terra di Spagna.

qc2016-230